martedì 22 dicembre 2015

BMW M2: la piccola mostra i muscoli

La BMW M2 sviluppa 370 CV e mutua dalla M4 gli assali anteriori e posteriori. Disponibile con cambio manuale o robotizzato a doppia frizione. 


Una M4 liofilizzata, ma neanche tanto: così si può interpretare la nuova BMW M2, che si pone un gradino più un alto della pur sportiveggiante M235i.
BMW M2
BMW M2

Il pezzo forte è il 6 cilindri a benzina M TwinPower Turbo, accreditato di 370 CV di potenza massima e di ben 465 Nm di coppia, incrementabili a 500 Nm grazie all’overboost. Il passaggio da 0 a 100 km/h viene promesso in 4”3; la velocità massima è autolimitata a 250 km/h.

SOSPENSIONI “DA GRANDE” - La caratterizzazione estetica della BMW M2 è in linea con le altre BMW M: spiccano i cerchi di 19” (con pneumatici 245/35 davanti e 265/35 dietro) che fanno il paio con le carreggiate allargate di 5,5 cm davanti e 8 dietro.

Gli assali, anteriore e posteriore, sono quelli della M4, con bracci delle sospensioni, supporti ruota, telaietti e piastra di rinforzo in alluminio per contenere il peso dei cinematismi.

La trazione è posteriore, provvista di differenziale autobloccante a controllo elettronico Active M Differential (bloccabile fino al 100%); specifica è la taratura del controllo elettronico di stabilità, che prevede la modalità supplementare chiamata M. Fonte Alvolante

Nessun commento:

Posta un commento