giovedì 28 febbraio 2013

CANTANDO SULLE OSSA




Canto,
sulle ossa bianche e scarne,
sui cadaveri della mia mente.
Canto,
nell'intricata foresta fossile della mia psiche,
in luoghi ancestrali e cosmici.
Canto,
un canto magico,
le ossa torneranno in vita,
perché i lupi ritorneranno.
Canto,
perché la radice è ancora verde e fiorirà,
perché il cosmo riceverà questa voce,
lamento di pastore errante,
che guida le ossa alla fine del mondo.

3 commenti:

  1. ...con nobile ed immensa voluttà, il "TUO" Lupo di te per sempre cura avrà!
    Come sempre emozioni...delicatamente gli animi di chi legge il tuo...canto!

    Vita lunga e prospera mia adorata...

    RispondiElimina
  2. Sento i lupi intorno a me ed il loro ululare mi è sempre di conforto...
    Abbraccio , cara la mia Silvia...

    RispondiElimina
  3. Che la rinascita sia sempre migliore......
    e che il pastore arrivi alla meta.
    Bella metafora del "cammino"!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina