mercoledì 20 marzo 2013

Hallelujah


 La nostra cara Nella, mi ha dato il compito di farvi conoscere questo personaggio che ha avuto la fortuna di cantare una delle più belle canzoni mai scritte (Hallelujah di Leonard Cohen), e la sfortuna di essere figlio di Tim (considerato dalla critica uno dei cantanti più geniali ed innovativi dell'intera storia del rock) ammalato di malinconia e morto di owerdose di eroina e alcool. Eredita dal padre il mal di vivere e lo trasmette nell'interpretazione di Hallelujah. Un canto per chi corteggia la "nera signora", che Jeff sfidava a testa alta. La "nera signora" se lo prese all'età di 31 anni, mentre faceva il bagno nella baia di San Francisco.
  • Jeff Buckley stava per diventare un mito con un solo disco, Grace, destinato a rimanere uno dei capolavori degli anni '90, quando una morte assurda lo portò via. Ma tutta la sua vita è segnata da un destino negativo.
  • Nato nel '66 figlio del cantautore Tim Buckley, Jeff riscosse in vita la maggior fetta di fama in Francia e Australia e poi, dopo il suo decesso avvenuto per annegamento il 29 maggio 1997, in tutto il mondo, tanto che i suoi lavori rimasero famosi nel tempo e appaiono regolarmente nelle classifiche delle riviste di settore.

hallelujah
    Ho sentito che c'era un accordo musicale segreto
che Davide suonò e che piacque al Signore
ma non ti importa molto della musica, vero?
beh, funziona così: il quarto, la quinta,
il minore abbassa, il maggiore alza
il re confuso compose l'Hallelujah

Hallelujah, hallelujah, hallelujah, hallelujah

beh la tua fede era forte,
ma avevi bisogno di una dimostrazione
l'hai vista fare il bagno sul tetto
la sua bellezza e la luce
della luna ti abbattevano
lei ti ha legato alla
sua sedia della cucina
lei ha rotto il tuo trono
e ti ha tagliato i capelli
e ti ha cavato dalle labbra l'Hallelujah

Hallelujah, hallelujah, hallelujah, hallelujah

 baby sono già stato qui
ho visto questa stanza e
ho camminato su questo pavimento
ero solito vivere da solo prima di conoscerti
ho visto la tua bandiera sull'arco di marmo
ma l'amore non è una marcia di vittoria
è un freddo e un grave Hallelujah

Hallelujah, hallelujah, hallelujah, hallelujah

beh c'è stato un tempo
in cui mi hai fatto sapere
cosa succede veramente sotto
ma adesso non me lo mostri mai, vero?
ma ricorda quando sono venuto a stare con te
anche la Santa Colomba si stava spostando
e ogni nostro respiro era un Hallelujah

beh forse c'è un Dio lassù
ma tutto quello che ho imparato dall'amore
è come colpire qualcuno che ha
sguainato la spada prima di te
non è un pianto quello che senti di notte
non è qualcuno che ha visto la luce
è un freddo e un grave Hallelujah

Hallelujah, hallelujah, hallelujah, hallelujah

5 commenti:

  1. GALA mia adorata...ora poi fare tutto da sola , dopo questo meraviglioso post...la mia presenza può anche sparire per sempre!!!!
    Lo hai creduto eh?
    Comunque bravissima..( tra di noi sole...avevo o non avevo ragione?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati Cramella mia!! Da sola non sapevo neanche che voleva dire hallelujah !!
      Hai fatto tutto tu io ho solo eseguito un compito.....un compito piacevole naturalmente.
      Grazie per avermi fatto conoscere queto personaggio..AVEVI RAGIONE (come sempre)Ti abbraccio.

      Elimina
    2. Lascerò solo a te le mie memorie adorata ..l'esecuzione è perfetta...ti adoro...

      Elimina
  2. bellissimo post Gala, conosco bene Cohen, mi piace molto, ma questo straordinario ragazzo scomparso prematuramente no, ..bella canzone. malinconica e triste...brava!!

    RispondiElimina
  3. Questa canzione mi fai veramente felice e triste... ma mi piace molto.

    RispondiElimina