venerdì 8 marzo 2013

IL FIORE DEL SULTANO

Durante la mia felicissima infanzia, periodo d'oro durante il quale mi è stato concesso di sognare a mio piacimento ad occhi aperti, passavo una parte delle mie vacanze estive a casa dei nonni, in un piccolo e ridente paesino in collina.
I vantaggi della mia permanenza dai nonni erano plurimi: niente sussidiari scolastici al seguito, libertà assoluta di stare fuori a giocare senza tema di pericolo, dormire in un lettone matrimoniale grande, soffice e morbido, sul quale mi accomodavo in centro con un "guancialone" a destra e un altro a sinistra e un piccolo guancialino di piume adatto alle mie misure di bambina e in mezzo ai quali il mio sonno era serenissimo, colazione fatta con le brioscine Londi (a cui sono ancora legata e che continuo a consumare a kili), passeggiate nel bosco insieme a nonno alla ricerca della Nepitella accompagnata dalla mia canina Lilli.
Attiguo alla casa dei nonni c'era un piccolo orto, dove lussureggiavano le verdure di stagione, un pesco nato da un nocciolo che per caso era caduto lì, un rospetto che albergava nel pozzo, e le galline dalle uova d'oro. Intorno all'orto i fiori. Ogni anno ne trovavo di nuovi: le calle raffinate, le dalie pompose, le violette odorose, qualche curiosa pansè, le margherite impertinenti, le aggressive rose. Ma una volta, alla mia prima visitina all'orto, fui letteralmente colpita da un fiore che i miei sette anni non avevano ancora visto: IL TULIPANO.
Lo guardai e riguardai, la sua semplicità era magnetica: una tazzettina dai petali carnosi e lisci che si poggiava leggera su uno stelo liscio alla base del quale si aprivano le verdi braccia delle sue foglie e che colori! Rossi, gialli, arancio.....e il misterioso tulipano nero, i cui petali erano seta al tatto delle mie piccole e curiose dita.
Fu amore (e ancora lo è), e di lui volli sapere la storia, una storia che mi portò per la prima volta in Oriente.
Il tulipano proviene dalla Persia, dove i suoi bulbi nascono spontanei. Narra una leggenda
che un giorno il giovane Shirin si allontanò dal suo paese dove viveva una bellissima fanciulla di nome Ferhad che era pazzamente innamorata di lui. Ferhad aspettò per molto tempo, poi presa da disperazione, decise di andare a cercare Shirin avventurandosi nel deserto. Ma non riuscì a resistere a lungo alla fatica e al dolore: cadde a terra, e pietre aguzze le ferirono le membra facendo sgorgare gocce di sangue che, fondendosi con le lacrime si tramutarono in rossi tulipani. Ad ogni primavera infatti i tulipani tornano a sbocciare in ricordo di quell'infelice passione.
Nel linguaggio dei fiori il tulipano non è un simbolo univoco: può alludere all'Amore perfetto, ma anche all'Incostanza in amore, all'Onestà e alla Magnificenza.
Se invece il tulipano è selvatico simboleggia il Primo Amore.
Dalla storia del tulipano nacque anche il mio amore per l'Oriente, per le Mille e una Notte e per la letteratura e la poesia orientale, soprattutto quella araba. Ogni anno sono tre i tulipani e che pianto: MUSTAFA' il tulipano della Voluttà,  SOLIMANO il fiore del Sultano e EL RAIZULI, il magnifico dai petali scuri.
 
 
 

6 commenti:

  1. Avrei voluto presentarti una persona che li adorava come te...
    Purtroppo il tempo è scaduto!
    Bacio....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che questo apprezzamento è diventato universale.
      Grazie Nella

      Elimina
  2. Davvero avvincente questo tuo racconto, piccina! un'infanzia bella, rende altrettanto belli e dolci coloro che la possono vivere, fornendo forza e certezze anche quando la vita futura ti consuma, ti massacra e ti frantuma!
    Il tulipano, dolce ed elegante, suadente ed anche affascinante...Sissy, come sempre tocchi le corde del cuore, come una musicista sa fare con la sua arpa magica! Ti auguro che i tuoi 3 tulipani ti possano crescere, saziare e abbondare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro i miei tulipanini, tutti i giorni dico loro una parolina poetica.

      Elimina
  3. Cara Silvy...magnifica infanzia e magnifica scoperta di un fiore che amo anch'io da quando ero ragazzina. Nel mio giardino non manca mai il tulipano che raccolgo in un mazzo da mettere in centro tavola per deliziarmi la vista.
    Un abbraccio.
    PS. le mille e una notte...mia lettura preferita fin da piccola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nulla come le Mille e una notte, per il linguaggio raffinato, per le poesie eleganti, per le storie avvincenti, per i personaggi affascinanti.

      Elimina