martedì 16 aprile 2013

Esistenza

In questa grigia mattina, troppo opaca fin troppo anonima
Sento che questa casa, è troppo vuota troppa solitudine troppa mancanza troppa poca baldanza
Avverto l'angoscia di una mano che non trova più, di un respiro che non è già
Ammetto che sei l'unica persona che forse mi conosce da che tutto fu
Riconosco te da che il mondo si formò...da che ogni cosa si ebbe in ogni se


Ti guardo, ti penso, ti immagino oltre ogni mio perché
Sognando di solcare ogni valle, di abbattere ogni ostacolo e barriera che issata fu per me.
Per tenermi lontano da ciò che fu...tra me e te.

T'incontrai per la prima volta, ti amai già che tutto ebbe inizio, fissando il terso cielo...
di una storia antica che ormai non è più.
Una sosta fatta da concetti e preconcetti, da idee ed illusioni che ti permettono di sopravvivere.
Ti promettono di amarti e non sopraffarti...parlando alle membra del tuo cuore.
Cuore che prima ama e poi muore.

Fu il trascendere di quell'errore, che da tutti è chiamato amore! Un'errore costruito da concetti e preconcetti...da chi mai saprà quello che il LUI deciso avrà.
L'inferno mi attende, le sue fiamme ardono già, io mi fermo mi guardo mi sporgo e mi rilasso.
Mi perdo nei mie tabù, nei dedali di una dimensione alternativa.

Ricerco i miei ricordi migliori i pensieri più belli, ma il grigiore di questa mattina, mi consuma 
e mi trascina! Mi ricordo però ogni dramma più brutto ed il mio sogno sembra distrutto.
Esistenza che vivacchia e sopravvive, pur sapendo e non facendo.
Lo capisci e ti ricordi, di quei giorni ormai nascosti e seppelliti, la mia esistenza brama il suo corpo sottile. In questa mattina di grigia follia tutto scompare dietro le nuvole di una pazzia.

4 commenti:

  1. Sento pensieri e sensazioni passate, un animo combattuto, percosso, vinto e risistemato...
    In poche parole larte del sapersi accontentare o del far buon viso a cattivo gioco...
    grande forza d'animo e grande coraggio...
    Ti voglio tanto bene Vitino!

    RispondiElimina
  2. Te ne voglio anche io Nellina...ci vuole si, tanto coraggio per continuare questo viaggio!

    RispondiElimina
  3. caro Vito...in questa mattina di grigiore quanta,tristezza, rassegnazione, malinconia di quello che si é perduto e non c'é piú..a volte incolli anche al mio animo questo tuo nero tormento....ma so x certo...che nuove e splendide sensazioni possono ancora arrivare.... abbi fede ..un bacio amico caro..

    RispondiElimina
  4. Fede? Già fede...certezza di cose che si sperano e sicurezza di ciò che non si vede! Ma quanto è difficile riuscire ad averne un solo piccolo seme di essa fede.
    Grazie per il tuo affetto Alina, amica mia carissima

    RispondiElimina