lunedì 20 maggio 2013

IRAN -FARSANEH MIRARABSHAHI

IRAN ,MONDO MIO - FARSANEH MIRARABSHAHI
Errando per le vie
Dopo l’ardere d’un mondo
Ai piè sentivo la cenere come sabbia d’oro…

Impazzivo , degeneravo
Chè ‘sto scandalo non era visto!
Non era parlato!
Governi incoscenti …
Persone governate da altre sporche!
Come potevo che non sciogliermi come la fiammella scioglie la cera? E ne sfuma l’immagine .

Disgustata.

Intanto le notizie non arrivavano !
Il mio cuor trepidava dall’inpazienza .
La gente moriva ,
La gente era anima
La gente ,ora, è carne ed ossa
nonanimo .

Che’l mondo sia risucchiato dale tenebre o si vergogni
Di non aver osato parola contro immondizie
Contro assassini!
I giovani muoiono
I giovani sono morti tempo lungi!
In quei paesi da qui lontani…
Iran ,
Sei solo tu una poesia ( non scriverò nient’altro che “IRAN”)
OH Sa’di mi hai insegnato una cosa immensa,
Infatti non è l’Iran il mio mondo
Ma è la terra ad esserlo ,
Il mio mondo …
Un cuore ,quello mio ,
Che balza impazzito per un solo amore :
La terra persa.
Guardati mio mondo
Soffochi!

Guardami mio mondo
Ti prego.
Sei tutti quanti I miei pezzi.
Lucenti frammenti dietro gl’occhi miei ,scuri…

4 commenti:

  1. Un altro accorato inno mia cara Farsa, il mondo, la propria terra, il proprio paese

    RispondiElimina
  2. sono felice che ti piacciano i miei scritti carissima silvia già proprio un inno ! farsaneh

    RispondiElimina
  3. Tragicamente accorato il tuo cercare ciò che ti e stato tolto.
    Continui sempre ad emozionare in maniera forte ed incisiva!
    Grazie di cuore dolce amica...

    RispondiElimina
  4. prego sono felicissima di quanto mi dite sempre , farsaneh.

    RispondiElimina