mercoledì 1 maggio 2013

RICETTA PER FARSI UNA SCHIAVA

RICETTA PER FARSI UNA SCHIAVA (per chi ne ha necessità ;-))


Ecco a voi tutto l'occorrente per fabbricarsi una schiava fatta a mano, pronta a sbrigare i più bassi servizi senza proferire verbo.
Occorrente:
1 Cantaro di farina
1 Cantaro di zucchero

Setacciate la farina e lo zucchero, impastate e date la forma desiderata. Poi, una volta che avete ottenuto la schiava dei vostri sogni, ripetetele per sei mesi questa canzoncina:

Schiavetta fatta a mano,
Senza penna e calamaro,
Sei mesi a setacciarti,
Sei mesi ad impastarti,
Sei mesi per spastarti,
Sei mesi per rifarti,
Sei mesi alla nicchiola
E ti viene la parola!

Alla fine dei sei mesi la vostra schiava parlerà e sarà a vostra completa disposizione.
Badate che, essendo schiava, dovrete trattarla come tale, altrimenti potreste trovarvi a sentirla dire:

Vigna ero e vigna son,
ero potata e più non son,
 e non so per qual cagion
non mi pota il mio padron.

In questo caso rispondete:

Vigna eri e vigna sei
eri potata e più non sei,
per la granfia del leon
non ti pota il tuo padron.

Lei rimarrà in silenzio e voi direte ancora:

Della vigna che voi dite
alzai il pampino, guardai la vite,
 ma non la colsi né la toccai,
per la corona che m'incoronai.

A questo punto tutto tornerà come prima.

Buon lavoro!


4 commenti:

  1. ...un plauso per la rima baciata, un altro per il tuo fantasioso ingegno e un altro ancora per aver onorato la Gheisa del terzo millennio; ma manca un ingrediente...ciao Silvietta...:-))

    RispondiElimina
  2. Sergio, Sergio, certo che manca un ingrediente....io ho dato solo la base, l'ingrediente mancante deve necessariamente provenire dallo stesso creator di schiave! Ora che ci penso, anche da una creatrice di schiavi......giusto per non fare differenze!

    RispondiElimina
  3. ...Silvia, Silvia, che pensieri soavi/in questo maggio odoroso/, nessuna differenza fra la Terra e la Luna, è il 'ciceone' che manca!...:-)

    RispondiElimina
  4. Ma Sergio....il ciceone? Dunque vogliamo iniziarci ai misteri eleusini? Al culto di Demetra e Persefone? Ma dico io, a questo punto invitiamo anche Priapo per un'offerta, casomai le divinità ci concedessero ingressi migliori.

    RispondiElimina