venerdì 10 maggio 2013

Tre di noi (decima parte)

Se Frank prima pensava che Susy fosse pazza, ora ne aveva la certezza. Notizia la stava cercando? Era forse fuggita dalla clinica? La stessa dove era ricoverata la sua Mary? - si chiese quasi allucinato.
L'unico modo per sapere qualcosa era chiederlo a Notizia: "Ciao Notizia, piacere di conoscerti." - lui lo guardò di sbieco con fare interrogativo e rispose: "Il piacere è tutto mio!"
 "Senti, ma che diavolo stà succedendo? Chi è quell'invasata che scappa con la mia giacca?"
"In che senso?"
"Nel senso che non mi sembra una normalità ciò che è appena successo. Se tu hai assistito a questo evento, convieni con me che Susy non ha avuto un comportamento normale. Sei d'accordo?"
" In effetti Susy non è normale."
"Cioè che intendi, non è normale?"
" Intendo dirti che soffre di una patologia mentale."
"Quindi? Non mi tenere sulle spine arriva al concreto."
" Senti Frank, io mi occupo di salvaguardare l'incolumità dei pazienti della clinica psichiatrica Saint Queen."
"Accidenti la stessa dov'è ricoverata una mia vecchia conoscenza. Quindi devo dedurre che sei qui per Susy?"
" Si. E' appena fuggita dalla clinica, e non è la prima volta. Di solito tenta di scavalcare la recinzione spinata di una vecchia magione. Devo rincorrerla ed evitare che si ferisca"
" Ti serve aiuto?"
"Ma si, se fai il giro opposto e la raggiungi dall'altra parte della recinzione forse non si avventura a scavalcarla."
Notizia indica il percorso a Frank e poi si avvia dalla parte opposta.
Susy era una donna di quarant'anni curiosa, colta, un'intelligenza vivace, vantava frequentazioni cosmopolite. Laureata in letteratura inglese, aveva lavorato per un giornale Londinese.Incontrò l'amore della sua vita, un inviato di guerra, al giornale. Si amarono fin da subito e dopo un anno venne alla luce il loro frutto che purtroppo persero all'età di tre anni. Susy aveva appena ripreso a vivere che perse il compagno in un paese in guerra, mentre faceva il suo lavoro. Sprofondata in una depressione maniaco delirante, fu ricoverata più volte..

6 commenti:

  1. ahahahahaa...che vita intensa che ho...!!!!!
    L'unica cosa che non mi risparmio è sul manicomio...ahahahahahah

    RispondiElimina
  2. ...sempre più maniaco depressiva! Sono contento di constatare che il manicomio è aperto e agitato. Confido nel giornalista il quale a tutte le caratteristiche dell'ultimo romantico..complimenti a Katia che cuce e ricuce le voragini della trama sempre più intricata...abbraccio senza giacca...

    RispondiElimina
  3. cavolo che tragedia..povera Susy... sento che prima o poi uscirá dal manicomio, e con un po' di fortuna incontrerá un uomo speciale sfogherá tutta la sua rabbia in un rapporto erotico-cerebrale ;-)))) te lo auguro

    RispondiElimina
  4. Alessandrina , ma chi ha detto che la povera Susy abbia della rabbia da sfogare...
    Un Frank senza giacca, la belva umana di un Notizia, o la povera direttrice dell'ospizio costretta su di una sedia a rotelle a sfogare su altri le proprie repressioni?
    Rapporto erotico -celebrale?
    Susy ha un rapporto erotico, e molti rapporti cerebrali, e ..credimi ...non li confonde...
    Ma non voglio svelarti l'arcano...
    Quando avrò tempo saprai...
    Un bacio super!!!!

    RispondiElimina
  5. mi son confusa allora aspetto con ansia questo esplosivo rapporto eros-cerebro...ok?? Non farmi aspettare troppo ;-)

    RispondiElimina
  6. Appena mi danno un po' di tempo in più arrivo volando Alessandrina adorata!

    RispondiElimina