giovedì 24 gennaio 2013

Ascolta...la!

 Prova di sentire chi parlare non può...prova di lenire le ferite profonde che solcano l'anima il cuore di chi vive dentro te...di chi soffre solo per te!

Prova di chinarti verso chi versa lacrime tutto il di'...prova a capire quel che non puoi...prova a scolpire quel che sai...prova solo di sentire quando la tua anima stà per...Morire!
 

9 commenti:

  1. Ardua impresa caro Legolas...
    Dovremmo provare tutti, ma....
    Un bacio!

    RispondiElimina
  2. Ciao caro Legolas....io ci provo con tutte le mie forze..... !!!!!
    Attraverso la poesia parla la mia anima.....!!
    La tua è molto bella e le tue parole prendono il mio cuore!!! Grazie!!!

    RispondiElimina
  3. non ti prometto nulla , ho giá dato, a modo mio.. ancora dono,.., ma... mai dire mai ....

    RispondiElimina
  4. Potessi "amarvi" come un soffio di brezza marina in una notte calda di un'estate torrida tutte quante!
    Potessi abbracciarvi tutti come le ali di un'aquila vi porterei su in alto nelle vette più irragiungibili dalla malevoli forze del male...potessi farlo...
    Grazie a tutte voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E'difficile, non è da tutti riuscirci..! Quando ci si riesce, quello che capisci ti mette di fronte ad un labirinto, non puoi rifiutarti di entrare. Devi percorrere il labirinto e correggere il percorso ogni volta che lo trovi sbagliato. Faticoso, umiliante, e angosciante a volte...ma non puoi più tornare indietro......e...non puoi sostare! La sosta nell'labirinto non è consentita esseri che ci vivono, e che non hanno anima, possono aggredirti, impaurirti sino invaderti...meglio andare e percorrere il piu possibile il labirinto di Teseo.Se riuscirai a sconfiggere il Minotauro...vedrai la tua anima nel suo piu fulgido splendore....e Saprai!
      Ps. piaciuta la favoletta nany?

      Elimina
    2. Favoletta? Bè...partendo dal presupposto che ogni cosa è opinabile dirà qualche persona che non "crede", ti dirò che il labirinto è più tetro di quanto non immaginassi, colpi di scena e sorprese a non finire, immagini e volti che non pensavi fossero ed invece sono...insomma c'è ne per tutti i gusti e per tute le età.
      Lo so bene che on c'è via di ritorno, lo so molto bene, ma a volte e cosi avvilente l'essere diversi da tutto e tutti...
      Grazie mamy...

      Elimina
    3. Caro Legolas, il labirinto l'ho attraversato anch'io.....e le immagini sono mostruose....piano piano e con l'aiuto del pc che mi ha permesso di farmi i blog ho cercato di sminuire il dolore e la sofferenza...! Mi sono lasciata andare sarà l'ora...! La strada è lunga...io mi sdoppio e così vedendo l'altra me stessa cerco di visualizzare solo visi angelici!!! Ciao e buonanotte!!! Un abbraccio

      Elimina
  5. Il dolore è sotto le costole, sotto al cuore: Il conflitto tra il cuore e il cervello per il predominio, il cervello che cerca costantemente di razionalizzare, di riparare, di salvare la situazione. Il dolore che dilania, che lacera come un uccello rapace.


    Una straziante bellezza di emozioni e un tormento di sensazioni,che dal tuo verbo dilagano nei meandri sconosciuti dell'Essere.
    WOOOOW!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angelo, piacere di fare la tua conoscenza... lasciami dire che mi sento davvero lusingato dal fatto che tu abbia letto cosi profondamente un mio scritto che qualcuno si ostina a chiamare poesia.
      La scrissi nel peccato veniale anni fa, ero davvero distrutto non più sul ciglio del mio eterno burrone, ma bensi a metà strada tra il precipizio ed esso stesso. Lascia che ti dica che hai compreso bene ciò che ho urlato in maniera silente, non udibile ai più...
      mio amico lascia che ti auguri vita lunga e prosperità!

      Elimina