martedì 8 gennaio 2013

Heaven!

HEAVEN

Everyone is trying to get to the bar
The name of the bar, the bar is called Heaven
The band in Heaven , they play my favourite song
They play in one more time, play in all night long.

Heaven , Heaven is a place
a place where nothing , nothing ever happens
Heaven, Heaven is a place
a place where nothing , nothing ever happens.

There is a party, everyone is there
Everyone will leave at exactly the same time
When this party is over, it will start again
It will not any different, it will be exactly
the same...

Heaven, Hweaven is a place...etc etc...[...]


When this kiss is over it will start again
it will not any different, it will be exactly
the same.
It's hard to imagine that nothing at all
could be so exiciting, could be this much fun.

Heaven , Heaven is a place etc etc...

CIELO

Ognuno cerca di arrivare al bar,
il nome del bar, il bar si chiama Cielo
Il complesso nel Cielo suona la mia canzone preferita,
la suona ancora una volta, la suona tutta la notte.

Il Cielo, il Cielo è un posto
un posto dove niente, niente mai succede
Il Cielo, il Cielo è un posto
un posto dove niente, niente mai succede.

C'è una festa , sono tutti lì
tutti andranno via esattamente allo stesso tempo
Quando questa festa finisce, ricomincia daccapo.
Non sarà in alcun modo differente,
ma sarà la stessa esattamente.

Il Cielo, il Cielo è un posto
un posto dove niente, niente mai succede...

Quando questo bacio è finito, ricomincia
non sarà in alcun modo differente,
ma sarà lo stesso esattamente.
E' difficile immaginare che proprio niente
possa essere così eccitante o così tanto divertente.

Il Cielo, il Cielo è un posto
un posto dove niente, niente mai succede...

Inizio questa mia avventura , perchè così l'ho definita , dedicandovi questa canzone , scrittada uno
dei miei cantanti favoriti, David Byrne ex Talking Headsnel lontano 1975, prima che questa straordinaria band si sciogliesse e David camminasse da solo con risultanti eccellenti.



Un genio resta tale sempre, nel cambiamento di stile, nella composizione, negli arrangiamenti, resta tale anche nella vita privata, alquanto strana e originale.
Byrne è un autistico scozzese, portato dai genitori a New York per essere curato, e come potete constatare le cure sono state propiziatorie. Ribadisce che non vivrebbe in nessun'altra città all' infuori di NY city, ma il passaporto resta scozzese. Vive con i vecchi genitori, ha avuto una moglie e una figlia, qualche avventura , chissà perchè tutte legate al suo estro lavorativo. Byrne non è facile da scoprire, è come una lumaca, come un riccio , si ritrae se lo avvicinate, si impaurisce se qualcuno si accalca vicino al palco, parla a smozzichi, però sa esattamente quello che vuole.

E' disposto a passare su tutto e tutti, persino sui vecchi amici , quelle "Teste parlanti" che l'hanno reso celebre, ma che senza di lui non sarebbero state forse nulla o una meteora. L'uomo ha la testa troppo piccola rispetto al corpo ecco il perchè del nome della band, il cervello funziona poco a volte, ci preoccupiamo di più delle spalle!


Ho scelto questa canzone, come primo post per voi, amici cari per farvi capire in che modo a volte viene rappresentato il Paradiso. Spesso sta nel volto di un uomo o di una donna, nei figli, nei soldi, nella fortuna o nella fama...troppo semplice! Per David Byrne il Paradiso è il luogo dove non succede nulla e dove non succederà mai nulla, accadono le medesime cose e le medesime cose non ci faranno mai male e noi staremo bene!

Questo è l'augurio che faccio a tutti voi, cercheremo di stare tutti bene chi scrive e chi legge, in questo nostro angolo di Cielo dove ognuno è libero di fare ciò che vuole, nei limiti della decenza e poi... che accada ciò che accada!

4 commenti:

  1. ..ciao Nella, straordinario post..sono d'accordo: il paradiso, ma anche l'inferno e la poesia stanno in ogni essere...abbraccio...

    RispondiElimina
  2. Onorata per il tuo commento SERGINO mio, il primo della serie che ne vale cento!!!
    Grazie infinite e un bacio super!

    RispondiElimina
  3. grazie Nella, grazie amici di avermi dato questa oppurtunitá, scoprire a poco a poco molte cose BELLE a me sconosciute,..stupenda canzone Nella ................Cieco chi guarda il cielo senza comprenderlo: è un viaggiatore che attraversa il mondo senza vederlo; è un sordo in mezzo ad un concerto. (Camille Flammarion)........

    RispondiElimina
  4. Grazie a te ALESSANDRINA bella, per la tua partecipazione, per i tuoi commenti sempre così interessanti e sentiti...
    In una parola , grazie di esserci!
    Bacio!

    RispondiElimina