giovedì 10 gennaio 2013

La sofferenza

Una delle Nobili Verità insegnate dal Budda è: "La vita è sofferenza".
Questa è una grande verità, forse la più grande. Appena ci rendiamo conto che la vita è difficile, essa allenta di esserlo. Molti non vogliono accettare questa verità, e si lamentano più o meno di continuo, del numero delle gravità dei propri problemi, delle proprie difficoltà, come se la vita fosse facile per gli altri. Sono convinti di essere i soli ad avere difficoltà,e questo sembra loro ingiusto.
La vita ci pone un'infinità di problemi, dobbiamo dunque lamentarcene senza fare nulla per cambiare le cose? [...]
Non è meglio cercare di risolverli, ed insegnare ai nostri figli come risolvere i loro? Per risolvere i problemi della vita serve maturare spiritualmente con disciplina. E' un processo lungo e faticoso ma aiuta a capire ed accettare le sofferenze della vita. Quando ero giovane e tormentata dalle sfortune della vita, mi fu regalato un libro che mi aiutò a mettermi in cammino. Ve lo consiglio , apre nuovi orizzonti , nuovi modi di vedere la vita.

Aiuta a toglierti dagli schemi genitoriali. Penso che abbia aiutato molte persone e che continui a farlo nel tempo. Buona lettura.

<E' più di un libro, è un atto di pura generosità>
Washington Post

< Il pregio di Voglia di bene è nella chiarezza con cui identifica il processo della crescita spirituale con quella della crescita mentale.
Queste pagine sono ricche di freschezza e originalità>
The Wall Street Journal

9 commenti:

  1. Gran bel consiglio Galadriel cara, sempre più necessario nello stress di questa vita, con molti ideali fittizzi e molta ipocrisia!
    Grazie cara amica ...
    Un bacio grnade!

    RispondiElimina
  2. Hai ragione cara Gala, la sofferenza fa parte della vita anche se spesso e volentieri é profondamente crudele, ti segna ti tempra e ti modella. Purtroppo ci accompagnerá sempre nel nostro percorso, ma é anche grazie alla sofferenza che poi si apprezzano di piú i valori , le piccole gioie e sopratutto la Vita.: "Bene incommensurabile".

    RispondiElimina
  3. Proprio vero, "la vita è sofferenza", di conseguenza la sofferenza è parte integrante della nostra vita, per questo va accettata ma soprattutto combattuta perchè rafforza il nostro spirito e ci fa apprezzare di più anche quelle piccole cose prima trascuravamo.Io ne so qualcosa.

    RispondiElimina
  4. A volte capita che ci si alimenti di sofferenza...tale condizione risulta essere come nutrimento aggiuntivo per l'anima, al fine di estrarre qualto di più recondito sia contenuto in essa stessa. Sofferenza...un viatico che a forza di patirlo, ci s'innamora!

    RispondiElimina
  5. ...mi associo al commento dell'amico Legolas, aggiungendo che esistono sofferenza che neppure la lotta più strenua vince e qui il più forte e coraggioso piange in silenzio...ciao Gala..

    RispondiElimina
  6. Conosco alcune cose del vostro passato, tranne di Alessandra (che anche lei avrà avuto le sue sofferenze)e posso dire che tutti voi avete sofferto e molto e ad un soffio dalla morte siete tornati, e ci sarà un perchè! Sarebbe stato più facile fare quel passo e finirla lì, mentre il ritorno pesante ed opprimente della sofferenza, ti fa piangere con coraggio in silenzio. Se questa sofferenza non servisse a qualcosa, sarebbe l'azione più crudele che un creatore potesse infliggere ad un umano. Devo pensare che ha uno scopo la soffrenza, altrimenti il coraggio non ti mette a piangere in silenzio ma ti porta su di un cavalcavia di un'autostrada.....
    Se mal comune è mezzo gaudio ci abbracciamo tutti in questo piacere!

    RispondiElimina
  7. La soffernza non risparmia nessuno,la conosco anch'io troppo bene purtroppo: Ho iniziato presto molto presto a capire questo significato, mi ha tolto l'infanzia, mi ha tolto tutta la famiglia , e uno a uno i miei fratelli che mi avevano allevato con rigiditá e amore..ma son convinta che con il tempo tutto si supera,....sui quarantanni ho conosciuto il mio secondo marito e con lui ho diviso e divido gioie e dolori, ho avuto ancora momenti terribili con le nostre malattie, ma li abbiamo superati e come dicono i medici, siamo due miracolati.. La parte d'infanzia che ho perso, vive dentro di me.. é la mia pazzia segreta, spesso e volentieri mi comporto nonostante l'etá in modo infantile, amo giocare amo cantare, fare tutte quelle piccole cose che mi sono state negate..e mai come ora ..amo e apprezzo questa meravigliosa vita!..

    RispondiElimina
  8. ps...scusate gli errori , qua non si puó modificare, (Quarant'anni)..e io ci vedo poco

    RispondiElimina
  9. Non preoccuparti Alessandra, gli errori sono nulla succede a tutti. Mi dispiace sentire che anche tu hai avuto un bel peso da portare. Benvenuta e dividere il nostro "Gaudio".

    RispondiElimina