lunedì 11 febbraio 2013

LA MUSTACHE

 

 

 

12/10/2012

In uno dei momenti di maggiore ispirazione, Donatella ha deciso di andare a fare una gitarella fuori porta per cambiare aria e togliere entrambe dal solito tran tran. Dato che in questo è una pioniera esperta ed una esploratrice formidabile, mi ha caricata in macchina e siamo partite.
Il viaggio è stato veloce, costellato dalle nostre chiacchiere e stavolta Dona ha approvato il mio abbigliamento, più curato e femminile (in effetti ultimamente un po' per l'eccessiva magrezza, un po' per i problemi alla schiena e forse per il pessimismo cosmico, non brillavo certo per mondanità) tanto che ha esclamato: "Ora ti riconosco!" (meno male che mi riconosce lei!).
Comunque, trovato il posto per la macchina mi sono lasciata guidare da lei e, dopo esserci inoltrate nel dedalo di stradine di un centro cittadino, siamo arrivate al locale destinato all'aperitivo che avrebbe consacrato l'inizio della serata. E' stato così che ho visto per la prima volta BAFFINO.
Sembrava uscito da un libro d'altri tempi, con i suoi lineamenti stile '800, lineamenti da figlio del secolo, capigliatura corvina e la "mustache" (BAFFINO appunto) in primo piano.
Appena entrate, Baffino si è genuflesso a mani giunte (NAMASTE') per darci il benvenuto nel suo localino gremito dentro e fuori, che ospitava anche un gruppetto parecchio canoro.
Il nostro ottocentesco amico deve aver notato la mia aria smarrita mentre guardavo una ragazza dai capelli verde smeraldo e, per minimizzare i segni del trauma cromatico sul mio volto, ci ha chiesto (sempre genuflettendosi): "Che volete da bere ragazze?" Credeva di trovarci impreparate.....invece no caro Baffino: "Due cocktail Martini grazie!"
Le nere pupille si sono dilatate.....anche lui stava producendo endorfine: "Ahhh però.....Subito ragazze! Gin o vodka? " "Gin!"
Ed ecco in due bicchieri (da Martini appunto) i nostri cocktail freschi, chiari, con tre olive verdi e tanto alcool (ecco perchè a Baffino si erano dilatate le pupille, forse ci credeva due Bond Girl).
Il cocktail Martini è piuttosto forte (una bombetta direi), bisogna accompagnarlo con del cibo, perchè a stomaco vuoto i suoi effetti potrebbero essere imbarazzanti. Infatti io l'ho assaporato con delle fantastiche patatine (una ciotola intera), mentre Dona dopo il primo sorso ha ritenuto opportuno optare per un semplice Martini bianco on the rocks (con delusione di Baffino). Se avessi spruzzato un sorso di cocktail sulla fiamma di un accendino, avrei incendiato Baffino e locale.. Comunque fra un sorso e un altro con Dona ci siamo guardate intorno: il locale traboccava di gente alternativa (vedi ragazza con capelli verdi) e di qualche soggetto da film francese (le aiutanti di Baffino dietro al banco, una delle quali indossava una canotta a righe, tipica divisa dei camerierini dei bistrot).
Il mio cocktail aveva avuto un ottimo effetto sia sulle mie guance (che avevano ripreso colore) sia sullo stomaco (il cocktail Martini è come l'idraulico liquido) e quindi ero pronta per la cena, perciò con Dona abbiamo allegramente salutato Baffino, il trio canterino, e la ragazza con i capelli verdi e ci siamo avviate verso "HUNGRY YEARS", la birreria dove avremmo cenato.

2 commenti:

  1. Una divertente esperienza d'uscita con contorno di tipi un po' sopra le righe , che , in queste circostanze non guastano mai...
    Ciao Silvietta , digerito il Martini?

    RispondiElimina
  2. Ed io che mi fidavo della Dona....:-) . Esperienza esilarante la tua, non ci hai ftto partecipi pero' come abbia reagito Dona...LOL!!!
    Comunque sia io preferisco un campari soda con gin, quindi qualora dovessi capitare da quelle parti tenetevi forteeeeeeeeeee!
    Mi sono spinto un pochino stasera...meglio che mi ricomponga...ops!

    RispondiElimina