mercoledì 13 febbraio 2013

Prima...Vera!

Semmai un giorno dovesse giungere a me la primavera, festeggerò.
Perchè vorrà dire che al tetro e freddo inverno sopravvissuto sarò.
Chiamerò a raccolta ogni bel viso, ogni canto ed ogni sorriso.
Tutti insieme ci chineremo a raccogliere i frutti di un'anno intero.
Anno di paure e tentazioni di sofferenze e mutilazioni.


Al mulino si andrà e per tutto il paese la farina si distribuirà.
Ogni duolo e sofferenza di caldo pane prenderà parvenza.
I salassi di sangue che i campi e la terrà avran bagnato, sarà buon vino, e nelle tavole sarà versato.
Canti e danze sotto le stelle, richiameranno mille favelle.
Il tuo sguardo incrocerò, provocante e suadente mi avvolgerà e la nostra danza inzio avrà.

Un vortice di emozioni ci circonderà, e la tua pelle madida di sudore il tuo profumo nelle mie narici aride esalerà.
Come fosse un elisir di sostanze sconosciute,
mi lascio trasportare lungo il tuo fiume.
Acque dolci, acque chete, il tuo corpo come mille comete.
Immergendoci nelle profondità da ogni pena ci si laverà.

I nostri abiti asciugheremo, distesi nell'erba il sole sorgere aspetteremo.
Tenendoci per mano le nostre anime in cielo s'involeranno.
Per non separarci più, mio dolce amore, mia dolce primavera, uniti per sempre fino alla prossima era!

7 commenti:

  1. Sento il sole, l'odore del grano, mi coccolo con petali di geranio. Il mio sguardo è solo per te, come la tua anima legata a me. Bellissima Vito, complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silviuccia mia adorata...lo sai che potrei anche morire per un commento cosi? Il mio cuore non è più integro, non regge mica di questi scossoni emotivi! ;-)
      Coomunque sia è sempre gratificante ricevere approvazione da qualcuno, se poi è qualcuno speciale come te...diventa estasi allo stato puro! Grazie.

      Elimina
  2. Vito hai la prerogativa di farci sempre e comunque sognare con le tue amarezze, le tue crudeli riflessioni, le tue rabbie, ma anche sognare attraverso il pensiero della felicità più soave e più sensuale...
    Come poteva non essere il più caro amico mio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nellina mia dolcissima...ho letto, riletto i vostri commenti, il tuo particolarmente, e la fine di esso mi ha davvero segnato l'intimo! Essere il tuo più caro amico è per me motivo di vanto!!! Motivo di felicità, di fierezza!
      Ti adoro mia dolcissima caramella!

      Elimina
    2. Vitino tu conti immensamente per me perchè sei tu, con la tua immensa interiorità e sensibilità
      La mia persona non conta proprio nulla, via le fierezze ed evviva la felicità ..e quando te ne posso regalare anche soltanto un pochino...sono felice anch'io!!!!
      Buon San Valentino , Vitino!

      Elimina
  3. Caro Vito la tua poesia è bellissima!!! Credo che sia quella che mi ha colpito di +....quella che ha dato uno scossone così forte al mio cuore da rimanere senza parole!!! E....adesso.....?!
    Canteremo e danzeremo...tutti... sotto le stelle e ci vestiremo di luce e mistero....
    Grazie di essere tra noi!!! Te lo dico con il cuore!!!
    BRAVISSIMO!!!!!!!
    LUNGA VITA AL RE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti devo confessarti che si tratta di una compsizione fatta come poche in uno stato tale da essere stato partecipe io stesso di tale ambientazione. Ho vissuto intensamente e finanche fisicamente quasi tale emozione...peccato capiti cosi di rado! Ma è stato estasiante per me, ma adesso leggendo i vostri commenti lo è ancor di più! Rosy, mia adorata Rosy...bontà vostra!
      Vita lunga e prosperità dal vostro Re per l'eternità!

      Elimina