venerdì 22 marzo 2013

Enrico Brignano

Enrico Brignano è in tournèe nei teatri  e mi permetto di consigliarvi se potete di andare a vederlo, veramente ne vale la pena.
La sua parlata romana godereccia e qui Romolo mi può venire incontro, ne fa veramente un personaggio di casa nostra. Proprio saremmo tentati di portarlo a casa nostra, se fosse possibile. Questo per quanto mi riguarda.
 E' una delle poche persone che sa trasformare il dolore in affetto, dedicando alla fine dello show , una bellissima poesia al padre mancato da poco tempo,e sono due stagioni che questo simpatico ragazzo riempie i teatri.
 Non sopporta di essere classificato "comico romano", a chi gli fa notare questa caratteristica, risponde che al nord e quando si esprime tutti lo capiscono, quindi dove sta il problema?
"Tutto suo padre ..e un po' sua madre" è fatto di battute sui nostri vizi nazionali, sui soliti racconti comici di famiglia, ma il finale è tutto nuovo con questi delicati versi per il suo papà. Sono uno specchio per chi ha perso una persona cara, ma diventano diromnpenti per chi li deve recitare, mettendosi a nudo sul palco.
 Enrico non divide il privato dal pubblico, lo si percepisce. Davanti al dolore si reagisce in mille modi, c'è chi si deprime, chi urla, chi fissa il nulla, lui lo incanala in qualcosa.
Ci racconta di suo padre come fosse presente tra noi, uomo di poche parole, con scarsi studi alle spalle, ma con tanti principi trasmessi ai figli .Tutta la sua famiglia si è sacrificata una vita vendendo frutta e verdura, desiderava per i figli un lavoro di basso profilo, ma di lunga durata e si sente che nella voce di Enrico è presente l'emozione. Il dolore così con la partecipazione del pubblico , si trasforma in affetto, e il comico stesso diventa padre di tutti , anche di se stesso.Vorrebbe avere un figlio presto, vorrebbe conquistare i mercati stranieri, far conoscere l'Italia nella giusta maniera, ma per ora mette in cantiere parecchi film di successo e il pienone per le sue performances...
 Bravo Enrico il modesto, vedrai che piano piano riuscirai a ottenere ciò che desideri , a mio avviso lo meriti tutto..
 Torna tra noi e facci ridere ancora, noi aspettiamo altro, anche  la tua tenerezza!

6 commenti:

  1. hai ragione Nella, è veramente un linguaggio romano godereccio, un linguaggio romano ed educato, cosa rara nei comici della mia città, un linguaggio che è un piacere ascoltare. Bellissima la sua battuta sul "Trota", << l'unico pesce senza fosforo >>. un abbraccio Nella

    RispondiElimina
  2. Ricambio di cuore ROMOLO..e la tua critica da romano doc ...vale il doppio!!!!!

    RispondiElimina
  3. Immaginavo, come sia normale immaginare, per uno spettatore che Enrico fosse cosi casereccio...ma descritto da te, mia dolcissima amica, mi sono sentito come se fossimo compagni di vecchia data!
    Come sempre interessanti e competenti le tue disamine, Nellina mia carissima.

    RispondiElimina
  4. Ciao VITINO mio..un simpaticone, uno di noi altri, come si dice a Roma , tradotto in italiano( Romolo docet..)
    Mi è molto simpatico..lo trovo ancora genuino e generoso...
    Un bacio stratosferico e stai bene, mi raccomando!!!

    RispondiElimina
  5. una persona sincera simpatica , un bravo attore e comico....mi piace..grazie Nella x avergli dedicato questo post..selo merita!!

    RispondiElimina
  6. Penso anch'io cara ALESSANDRA bella, simpatico e genuino..cosa assai rara in questo strano mondo...
    Un bacio grande!

    RispondiElimina