sabato 16 marzo 2013

REMEMBER


Quando mi accorsi che aspettavo un figlio, piansi per una settimana, ero disperata, io, bambina di 22 anni maturata troppo in fretta, con un  marito fragile, malato, narciso, inutile e alcolista  imposto da mia madre, mi son sentita morire.
Non doveva accadere , il ginecologo mi aveva rassicurato, "utero infantile , retroverso" impossibile per me a quei tempi una gravidanza.
Non mi spaventava il fatto di diventare madre, ma la vita che attendeva alla mia creatura.

Conoscevo il  mio ex   marito da quando avevo 15 anni, , é stato il mio primo amore, e non é affatto vero che "il primo amore non si scorda mai"..BALLE!!! Io mi son dimenticata completamente( e lo giuro)..la data delle nozze e quegli anni di disperata vita..
.Si dice in psicologia  che chi ha avuto un padre beone (non sempre x colpa sua), masochisticamente ne  sposa uno simile,..non é esatto, io non conoscevo mio marito, a quei tempi alla sera si rincasava molto presto, verso le 23 massimo, non si andava  in vacanza insieme...per cui prima di accorgermi di tanto disastro, ero giá innamorata. 
Benché innamorata sono sempre riuscita a ragionare nonostante tutto, mi rendevo conto che quella  unione non poteva funzionare, e che non volevo sacrificare la mia vita x un uomo simile, avevo bisogno di tempo per poter decidere, a 19 anni  se non si hanno alle spalle genitori comprensivi é un dramma.!!!!!!
Alla fine mia madre ha vinto la sua  battaglia e inconsciamente  ho acconsentito alle nozze..20 anni..20 meravigliosi anni  , l'etá della vita e la mia stava finendo....
Quella mattina mio padre vedendomi  le lacrime agli  occhi, mi diede da bere un marsalino e con quello in corpo..(io astemia).. sono andata a sposarmi.
Non descrivo il viaggio di nozze allucinante e il periodo successivo,  ...lo risparmio a voi e a me..una tortura indicibile, un uomo pericoloso, soprattutto se ubriaco,... ....e dopo due anni maturando sempre l'idea di una separazione..... ( , non avevamo quasi piú rapporti dovuti all'abuso di alcol e medicinali da parte sua .).. sono rimasta incinta..

Dopo il breve periodo di disperazione, ( ho perso 4 kili e ne pesavo meno di 40)  ho tentato una riconciliazione,( far ragionare chi di cervello non ne aveva  mai avuto) insomma ... ho cercato di responsabilizzare  anche il padre del  bambino (a quei tempi non si sapeva ancora il sesso del nascituro)...é durato pochi   mesi.. poi é rimpiombato nell'alcol, con conseguente perdita del lavoro, annessi e connessi...... solita trafila... 

Mi ricordo ancora come se fosse ora il mio travaglio in attesa in quella cameretta d'ospedale .. poi sono iniziati i dolori enormi..io e l'ostetrica , SOLE.!!. 
Seguivo disperatamente le sue istruzioni , lei continuava a lodarmi.."brava..brava" ...  dicendo poi all'infermiera  accanto :" questa bambina non emette un urlo" sembra giá  una donna troppo adulta."...
Un dolore indescrivible .. (quando il dolore supera x me la soglia di sopportazione, perdo la  voce ) .e  mentre credevo  di morire, pensai a mia madre, "lei ne ha fatti 8"..ce la faró anch'io mi son detta.  
La bimba era giá li  ma non poteva uscire, ero troppo stretta..... poi ho visto..... ; l'ostetrica ha preso un paio di forbici  grandi e mi ha tagliato aprendomi... .................................................."non sono morta" .. dopo due minuti é arrivata LEI..♥..l'unica mia ragione di vita ...LEI che mi ha dato la forza di separarmi andando contro il volere di mia madre, LEI   la mia rinascita dopo quegli anni bui....
Sapevo che era difficile  mantenere una figlia da sola  e senza l'aiuto di nessuno a quei tempi,  ma i sacrifici e le rinunce li ho fatti volentieri, non é stato x nulla facile, di sicuro non sono stata  nemmeno una mamma perfetta, ho sempre dovuto lavorare,  la trascuravo,  ma l'avevo vicino, potevo seguirla.  
Scartando i primi suoi anni di vita  in cui giocavamo insieme .. sono stata molto dura con lei nella crescita successiva , AVEVO PAURA ; se fossi mancata "lei non avrebbe avuto  nessuno a proteggerla ".
Questo pensiero   mi toglieva il sonno....e fare da padre e da madre  non é semplice, devi essere forte e severa  anche quando vorresti abbracciarla, devi insegnarle  il rispetto , prepararsi alla vita senza debolezze...e soprattutto guadagnarsi tutto ció che desidera ottenere, regalini compresi.
Ora  é qua sull'isola come me., ragazza intelligente  oltre la media  , parla correttamente 5 lingue, ha due negozietti creati interamente da lei,..buon reddito,   indipendente e sicura,  ha viaggiato x tutto il mondo   (non mi ha mai chiesto una lira)..... convive...desidera un figlio, tenterá...ma di una cosa son certa..ora ogni volta che la vedo l'abbraccio.. l'abbraccio x tutte quelle volte che non ho voluto e potuto farlo..(me lo rinfaccia sempre la stronzetta).. 

ps...ho scritto questo nota mentre sto facendo il pane che mi ha insegnato Gala, spero che venga bene....
scusate se alcuni passaggi sono un po' brutali e crudi... .  é la vita.....e come dice spesso Gala..:"la vita ripaga sempre"......................i. 

 da tempo ormai,  il mio piccolo gabbiano ha imparato a volare da solo..............posso anche morire tranquilla  . :-)))


intanto che terminavo la nota  é finito di cuocere il pane..É SPLENDIDOOOO MERAVIGLIOSO..GRAZIE GALA ...........♥....♥......♥.........♥..
La ricetta QUI

11 commenti:

  1. La profondità e la leggerezza tua Alessandrina , mi hanno conquistato subito, anche seguendo poche righe...
    Ci sono cose che ci uniscono, la madre dispotica, la paura dell'educazione del figlio, l'essere rigida con lui i disastri amorosi...purtroppo cambia il finale...ma sono tanto felice per te e sai quanto ti voglia bene e ti stimi...
    W il pane di Gala...pan degli angeli , suppongo , no?

    RispondiElimina
  2. ahahaaah vedessi cpom'é bello..spero sia anche buono..seguiró il consiglio del maestro ..faró le foto..♥....♥......♥.........♥....
    ps..grazie splendida Nella..sai ieri sera parlando con GALA..mi ha fatto notare che da tempo non posto.."mi manca l'ispirazione ho risposto".. il suo pane me l'ha data..un bacione smuackkkkkkkkkkkkk

    RispondiElimina
  3. Cara Alessandra....sei un leone!!! La forza di una donna è impareggiabile!!!
    Il senso materno porta a salvare la propria creatura...e tu ce l'hai fatta.
    Brava...anzi bravissima se ti è riuscito il pane al primo tentativo!!!
    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  4. Cara Alessandra mi hai fatto venire la pelle d'oca!!! Sono senza parole!!! Sei una super " DONNA " COMPLIMENTI DI CUORE PER IL GRANDE CORAGGIO!!! QUESTO NON è UN FILM!! E' LA TUA VITA!!! tvb...un abbraccio
    Ps: Fai la foto al pane degli ANGELI....♥

    RispondiElimina
  5. ciao cara ale..servono proprio per questo le storie e i pensieri condivise..per dare conforto alle persone che...stando nel silenzio, capiscono che non sono sole! grazie...............♫ ♪

    RispondiElimina
  6. ciao splendide ragazze..ho rivelato un piccolo scorcio della mia vita... son convinta che tutte abbiamo passato momenti bui e li abbiamo superati con grinta e tenacia, siamo donne... e io non sono diversa da voi, ho raccontato perché ormai le mie ferite non esistono piú...dimenticate...e poi diciamolo..."dopo tutto... spunta sempre il sole e si apprezza di piú la vita".....
    un bacione a tutte.. devo scappare alla finca dei consuoceri..una paella di marisco gigante mi aspetta e non ho fame..Birillo stanotte mi ha tenuta sveglia..poverino...speriamo si rimetta presto..x chi volesse vedere lA foto del pane..é SULLA MIA BACHECA...

    RispondiElimina
  7. eccola..l'ho postata anche qua..perdonate il mio narcisismo.É TROPPO BELLA.. :)))))

    RispondiElimina
  8. un'esperienza incominciata con dubbi e paure e finita meravigliosamente bene.Complimenti per aver tenuto duro nonostante i dubbi e le avversità.

    RispondiElimina
  9. grazie Enio..ero temprata, ho iniziato da piccola a capire che sacrifici e sofferernze fan parte di questa vita ..ora vorrei solo un po' di quiete e relax...speriamo ;-)))

    RispondiElimina
  10. brava Gala..casomai perdessi di nuovo la ricetta..( me la sono inviata 3 volte )..qua la trovo..smuackkkkkk

    RispondiElimina
  11. cara ALE..fortunatamente nelle mie disgrazie ho avuto sempre tantissime amicizie sincere , disposte a stare vicino a una selvaticona come me... amiche care che tuttora mi stressano di inviti, ..e non riesco mai ad accontentare tutte nel mio soggiorno in italia, qua..per fortuna con la scusa del lavoro, evito educatamente tutte le richieste , mi hanno giá adottato da tempo..io non ho mai conosciuto la solitudine, sono troppo aperta e solare nonostante il mio caratteraccio, ispiro molta simpatia...a volte lo considero un difetto, amo troppo non essere condizionata...ma si sa..x avere bisogna dare..ciao smackkkkkk

    RispondiElimina