lunedì 1 aprile 2013

La voce della pace


Quando il tuo cuore sarà stanco
non temere il vento
non lesinare vacue parole.
Quando le tue mani saranno fredde 
raccogli la tristezza di una lacrima 
e bacia piano quella gota,
piccola ruga incavata
trasparente diamante appuntito.
Arde nella notte
la sua luce..
sconfigge i pianti degli offesi 
innalza i cuori nell'attesa.
Improvviso sarà un manifestarsi
immenso e penetrante sarà il sole 
e sulle piante delle terra 
la voce della pace canterà
un inno d'amore e libertà.
Rosaria Magnisi

8 commenti:

  1. Cara Rosaria..quando il mio cuore sará stanco..spero solo di avere la forza ,e la dolcezza x sopportare il tutto..bellissima malinconica poesia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Alessandra...a parlare è l'uomo...e io lo incito a compenetrarsi nel dolore degli altri...per arrivare a cantare insieme....un inno d'amore e libertà...
      grazie e dolce notte

      Elimina
  2. Triste e contemporaneamente forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia.....!! La forza di una voce che vuole andare oltre.....

      Elimina
  3. ...solo allora quella voce s'udra'!
    Dolce, cara, inimitabile Rosy...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e chissà ..in quanti staranno ad ascoltarla..la propria voce!!!
      Grazie caro Vito
      smack

      Elimina
  4. Sensibile Rosaria...
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao caramella....:)))
      ...tu non sei da meno....:))
      +++ mu@@@@

      Elimina