domenica 27 dicembre 2015

Mercedes GLS: un (elegante) “bestione” che sa essere agile

La Mercedes GLS diventa ancora più lussuosa, ma mantiene le buone doti di guida sull’asfalto e in fuori strada. 


Potente e silenzioso il motore. Scarsa la visibilità posteriore; e i sensori si pagano a parte. La grande fuoristrada a sette posti cambia nome e si rifá il trucco, e adesso mostra quanto sia stretto il suo rapporto di parentela con la lussuosa Classe S.
Mercedes GLS
Mercedes GLS

Rispetto alla vecchia GL, la nuova Mercedes GLS si differenzia per il frontale inedito, con i fari dalla linea elaborata, il paraurti con le grandi prese d’aria e il cofano caratterizzato dai generosi rigonfiamenti.

Dietro, cambiano leggermente i fanali e il fascione paracolpi. Quanto agli interni, l’ambiente resta accogliente e luminoso, ma, se possibile, ora appare ancora più lussuoso.

Il volante multifunzione a tre razze ha uno stile inedito (e può essere ordinato anche nell’elegante abbinamento legno/pelle); la plancia e la consolle sono state rinnovate, con lo schermo a sfioramento di 8 pollici parzialmente integrato del sistema multimediale Comand Online, a cui si accede anche attraverso il touchpad e la manopola del controller montati nel tunnel centrale. Fonte Alvolante

Nessun commento:

Posta un commento