lunedì 14 gennaio 2013

Dentro la mia prigione.

Un soffio soltanto, un'ultima volta ancora! Un tocco che sia magico, che sia unico che sia il mio.
Una sensazione mai avuta, una mano mai sentita, una voce mai udita, cosa mai sarà, cosa mai mi capiterà?


Ecco solo un attimo di passione, solo una mera attrazione, come balsamo panaceo cura se puoi
questo misero derelitto.
Ascolta questo[...]
urlo, poni il tuo sguardo a questo essere, misero e reietto, invisibile ai molti, impercettibile
per troppi.

Solo un'ultima volta vorrei, ma tanto so che ormai mai più potrei, assaporare quel dolce nettare dagli
effetti inebrianti, dalle fattezze strabilianti.
Solo un attimo prima della fine, perchè poi dopo tutto io possa capire, che da questa prigione maledetta, io mai più uscirò e aspettare un'altra vita soltanto potrò.

12 commenti:

  1. Leggere le parole di Vito, mi fanno sempre uno strano effetto.
    Sono di parte , lo sono anche se scrivesse le tagliatelle di nonna Pina, ma è così tremendamente tragico, dolce, pessimista, amorevole, concreto, spirituale quando scrive , che tutto il mondo ti passa davanti!
    Grazie!

    RispondiElimina
  2. E' un grido disperato, che fa male al cuore.

    RispondiElimina
  3. Eccoci qui come promesso, complimenti per il blog.
    Solitario

    RispondiElimina
  4. ..ciao Vito, le lacrime non guariscono certe ferite, ma irrigano l'anima perché non inaridisca...un abbraccio..

    RispondiElimina
  5. Non riuscirò mai a saldare il mio debito con ognuno di voi, miei cari amici ed amiche!
    Vita lunga e prospera ad ognuno di voi!

    RispondiElimina
  6. é vero Nella, le parole di VITO fanno uno strano effetto....
    Sergio commento stupendo il tuo
    Vito, quanta passione, disperazione e tormento nelle tue parole, mi risvegli emozioni che voglio tenere assopite..

    RispondiElimina
  7. Vorrei anche io poterle dominarle, mai affogano il respiro, e se non do sfogo ad esse mi sento morire, come se per me vivere sia solo soffrire.

    RispondiElimina
  8. vedi??? Non si possono dominare, con l'etá le puoi assopire, ora coltivo il mio orticello. Preferisco mangiare ogni giorno verdura (bio);) é piú salutare e naturale dei cibi esotici che ogni tanto si vorrebbe assaggiare.

    RispondiElimina
  9. Lo so cosa sente Vito ...
    forse un´altra vita questa prigione è la libertà

    RispondiElimina
  10. Mia dolce Ro...se cosi non fosse, avremmo vissuto invano! Voglio crederci fino in fondo. Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  11. noooooooooooo...non si vive mai invano, cmq sia..la vita é un bene immenso, troppo prezioso

    RispondiElimina