domenica 20 gennaio 2013

D'un'altra


D’un’altra

un chiaro splendore di luna
trafigge il cielo questa notte

d’un’altra le nude curve
che l’ombra figura sulla sabbia

d’un’altra le sinuose labbra
che s’aprono all’urlo di Priapo

d’un’altra la
voluttuosa bocca
che tende al vortice di seta

e profondo irrompe nella gola
un caldo fiotto di madreperla

ormai tu sei lontana
nell’intricato labirinto della vita

allorché riflesso sopra il mare
echeggia il grido d’un gabbiano

è piacere che culla ancora in corpo
e silenziosa si compiace anche la luna.

5 commenti:

  1. Sergio ... leggerti rallegra un grigio giorno di pioggia, con il pensiero volo alla mia isola, alla mia luna che ogni notte (quando rientro a casa) mi segue x tutto il cammino e intorno a me il silenzio, solo il mormorio del mare: Alla mia luna che ho ripreso in molte espressioni, amo fotografarla, non mi stanco mai, Devo ammetterlo.. mi hai messo nostalgia ma so che presto , molto presto la rivedró,uno spettacolo unico, mozzafiato, ti da la forza di resistere lontano dai tuoi affetti, ti aiuta ad apprezzare le meraviglie di questa vita ....Grazie Sergio bellisssima poesia

    RispondiElimina
  2. Sergio caro , ho combattuto con il tempo atmosferico, con le connessioni che saltano , con il 187 per riuscire a risponderti e ...chissà se riuscirò a finire questa mia nota...
    Grazie per tutto quello che ci invii, per i sogni che ci permetti di fare ad occhi aperti, per presentarci questa realtà, spesso crudele, ma sempre adorabile, in un maniera a dir poco meravigliosa!
    Bacio

    RispondiElimina
  3. Uomo fortunato, che in una notte silenziosa illuminata dalla luna...una generosa amante di Priapo trae la madreperla dalle conchiglie per cullare un corpo nel piacere.....uomo fortunato.

    RispondiElimina
  4. Davvero...notevole! Emozioni e sensazioni che s'intersecano all'insegna di una estasi he una volta raggiunta trova la sua pace nel ricordo di ciò che fu.
    Sergio, amico mio sempre emozionante leggerti!

    RispondiElimina
  5. ...il piacere di una sensazione effimera, come antidoto alle continue pulsazioni della morte che ci ruba istante dopo istante la vita....ciao amici cari..

    RispondiElimina