venerdì 18 gennaio 2013

Intima coscienza

Avere un'intima coscienza delle cose vive che ci circondano che ci affollano la mente e riempiono gli occhi.
Avere una coscienza intima di sè stessi, della propria anima, del proprio IO.
Avere una coscienza che sia talmente univoca con l'universo infinito ci darebbe calore eterno...vita eterna!

Tutto ciò ci aprirebbe quella[...]
porta chiusa da mille sigilli da mille segreti...custode fedele del mistero intrinseco alla vita stessa...ove aldilà, si potrebbe perfino tendere la propria mano e tirar via quei veli che coprono sin dall'inizio in cui tutto fù ciò che dà vita ad ogni cosa ..ciò che stabilisce la differenza tra ciò che E' e ciò che non l'ho E'!

Riuscire ad aprire quella porta, potrebbe fare di noi quel che un di' fummo, si debellerebbe la malevola differenza la fredda diffidenza che nega l'uguaglianza ad ogni essere ad ogni minoranza e che solo menti sporche e lontane riescono a scorgere in maniera tale... da generare dolori e tristi vite mentre il male avanza ed il bene s'incupisce...si ritira verso luoghi remoti ed antichi dove potere trovare riposo e quiete.

Avere una coscienza intima di ciò che non teniamo da conto da ciò che giudichiamo con fin troppa superficialità ci darebbe un barlume di speranza per poterci pulire e poterci sognare ed ammirare ...
sentire suoni mai uditi, perchè da troppo tempo ormai sopiti.

Ascoltare voci inneffabili incomprensibili perchè da troppo tempo ormai scordate.
Muoversi con movenze inaspettate perchè da troppo tempo mai destate.
Toccare ciò che non sembrava, ciò che non c'è, perchè da troppo tempo nascosto chissà dov'è.
Sognare con divina animosità quello che la vita ci dà!

3 commenti:

  1. Caro , adorabile Vito..ma sai tu , che purtroppo ai giorni nostri , la cosa più difficle è possedere una propria coscienza?
    Purtroppo è considerata una marca di pelati....serve a poco o nulla, capire o non capire gli altri, le cose che ci circondano , sono solo perditie di tempo.
    L'importante è l'effimero, l'apparire, l'avere, il conquistare...
    Mala tempora...adorato!

    RispondiElimina
  2. ...e proprio vero caramella mi adorata! Mala tempora current!

    RispondiElimina
  3. ...un argomento piuttosto delicato e vasto affrontato da menti speculative in tanti millenni di storia dell'Essere, prima come individuo poi
    come società. La cara Nella non erra nella sua diagnosi. Tu non erri nel tuo vagabondare nel tentativo di dare delle risposte a domande senza risposta, io non inciampo nel pensare tramite le mie esperienze, mentre tutto il mondo corre per inseguire dei sogni effimeri per sopravvivere....resta questa benedetta 'coscienza', sulla quale dovremmo prima di tutto riflettere su come nasce, si sviluppa e se lascia orme indelebili; e la causa o le cause che contribuiscono alla sua presenza in noi. Che cos'è la coscienza? Ne esiste una soltanto? Dove, come, quando e perché la 'coscienza' giudica in silenzio quando il mondo urla sentenze? La coscienza è una sola verità? E se è così, esiste una verità assiomatica?....ciao caro Vito, vado a mangiare per far vivere la mia coscienza...

    RispondiElimina