giovedì 17 gennaio 2013

MAMMA

Mamma.

È una serata calda, afosa, 
passeggio sul lungomare tra lo sfrecciar di auto e il rumore del mare.
Sono solo, solo con i miei pensieri che mi tormentano oggi ma sono nati ieri.
Guardo in cielo e vedo una stella, 
la più luminosa certamente la più bella, 
mi segue, mi scorta,
sembra dirmi: non farne un dramma, sono sicuro,
 è la mia mamma.

8 commenti:

  1. Tenera e delicata poesia...
    Bravo Romolo!

    RispondiElimina
  2. che dolce e bella poesia ..bravo Romolo

    RispondiElimina
  3. ...la mamma come la stella più luminosa della volta celeste...sensibile e delicato accostamento...grazie Romolo...

    RispondiElimina
  4. Grazie? Mi sembra cosi riduttivo, che non saprei esprimere la mia riconoscenza a te Romolo oppure a quest'essere subblime che tu stesso hai ben indenficato come la più bella e luminosa stella!

    RispondiElimina
  5. Una poesia dolcissima, un pensiero delicato e struggente. Bella.
    Ciao Stefania

    RispondiElimina
  6. Caro Romolo, la tua mamma io l'ho conosciuta e me la ricordo benissimo. Era mamma tanto intensamente che sicuramente non si sarà arresa...ti proteggerà anche da lassu..da quella stella ..la piu BELLA!

    RispondiElimina
  7. Splendida la poesia dedicata alla mamma,bello l'accostamento alla stella.Olga

    RispondiElimina