giovedì 7 febbraio 2013

IL VOLTO SENZ'ANIMA


Voglio un viso che non ha mimica, uno di quei visi che non si capisce mai che espressione hanno. Son quei visi in cui non si legge l'ombra di un'emozione, in cui non c'è riso, e se le labbra si atteggiano a riso, il resto del volto non ride con le labbra; non si vedono mai lacrime, visi in cui la fronte non si acciglia, gli occhi che sembrano senza vita anche quando piangono, nei quali non si accende mai luce alcuna, neanche il bagliore dell'ira, dell'odio, o la radiosità.

Sì, bonariamente li invidio, perché sono quei volti che non permettono a nessuno di decifrarli, e quindi sono al riparo dagli sguardi indagatori altrui, e non possono essere interpretati.[...]

Non è il mio caso. Sul mio viso si legge tutto, basta un movimento di un sopracciglio, la piccola contrazione di un muscolo della bocca, e il mio viso rivela al mondo quello che la mia anima prova.

E se mai riesco a concentrarmi sul super controllo di ogni nervo, i miei occhi non fanno che tradirmi.
Posso urlare al mondo intero che non ho nulla, farci un bel comizio, ma il mio viso parla al posto mio come la peggiore delle comari. E convivere con una becera comare non è affatto utile, poiché essa mette in piazza ciò che tu non vorresti mai far sapere al mondo.

Del resto è sicuro che il mondo di questo se ne approfitta e gioca con questa debolezza come se niente fosse. Quando rido o sorrido non lo faccio solo con la bocca, ma con le guance, gli zigomi, la fronte, gli occhi da cui si sprigiona luce, e che accompagno con una gaia voce; allo stesso modo la mia espressione cambia con la rabbia, la bocca si distorce, le mascelle si serrano, le sopracciglia si contraggono, gli occhi emanano piccoli lampi.

Il pianto disfa i miei tratti, li devasta, il sangue affluisce alle guance, la pelle si chiazza di rosso, le lacrime seccano la mia pelle, le labbra tremano, e trema tutto il corpo. Impossibile mentire, si vede benissimo che ho pianto anche ore dopo....
Ecco perché vorrei avere una gomma con cui poter cancellare e ridisegnare il mio viso all'occorrenza, acconciarlo a mio piacere, in modo da non lasciar trapelare il benché minimo spasmo.
Il salvifico viso senz'anima, con cui puoi sempre presentarti, qualunque sia l'occasione, che non parla per te, che mente spudorato.
Marmoreo viso, fermo, incorruttibile, sibillino, senza dubbi, senza domande, senza perché.

6 commenti:

  1. Ohhhh Silvia cara , ma perchè mai?
    Odio i visi fissi, prefabbricati, inespressivi, senza alcun segno, dove gli occhi non brillano, le labbra non parlano, le guance non si alzano...
    Evviva la mimica facciale , che esprime tutta la nostra vita e le nostre emozioni..
    Ci scoprano pure , poverelli... non sanno quello che si perdono!!!

    RispondiElimina
  2. È vero Nella cara, ma credi ci sono dei momenti.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa dici cara Silvia!! Evviva le emozioni!!! Evviva i visi che sorridono, che si turbano che non nascondono la rabbia!!! E' bello vedere la dolcezza di un emozione come un viso accigliato!!!Rimani così come sei....sei splendida.....un caro abbraccio

      Elimina
  3. http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=K7hQIr2DI70

    RispondiElimina
  4. Avete ben ragione tutti un po'...ma quello che la mia dolce pulzella dice ...io so'! Un guscio un muro forte, una protezione per tenere lontano lupi e lupe rapaci, sempre in cerca di chi ferire per poi far morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Vito capisco perfettamente quello che dici....e concordo con te....!!! Io ho un trucco per proteggermi....mi pizzico le braccia....e così riesco a non fare vedere le mie emozioni!!! Cmq....sto molto lontana dai lupi rapaci....perchè divento un tigre....
      un abbraccio

      Elimina