venerdì 1 febbraio 2013

Peter gabriel, il geniale.



Cari amici, mi permetto di fare un'aggiunta sul favoloso Peter Gabriel, post che ho scritto qualche giorno fa, perchè mi sono resa conto che forse non tutti conoscono, come si dovrebbe, se si è interessati alla musica, quella vera...questo meraviglioso personaggio. In parole povere sarebbe come conoscere Chopin per i suoi notturni e basta, o Modugno perchè ha scritto " Nel blù dipinto di blù".

E' un po' ristretta la cosa, io penso che se si conosce un pochino più della vita o dei segreti meandri della persona ( a volte purtroppo si cade nel gossip) si apprezza meglio la sua arte, le sue composizioni e il significato stesso della sua musica.[...]
Spero siate d'accordo, anche se nel blog personale "Rock Music Space " ne ho parlato a bizzeffe , con quiz, aggiornamenti e curiosità. Ma questa è un'altra storia.
Peter nasce a Cobham il 13 febbraio (fategli gli auguri...) in Inghilterra ed è uno dei compositori, polistrumentista, attivista umanitario, produttore discografico , più apprezzato nel mondo, e non esagero.
Nasce da una famiglia agiata , ha una sorella e fin da piccino si diverte a scorazzare nel solaio di casa e inventare personaggi strani con varie fogge di vestiti , armi e cappelli scovati in ogni anfratto.La sua fantasia è vivacissima, dal niente crea il tutto e questo dono lo portò sempre anche sul palco.Dalla vita ha avuto tutto, un'infanzia felice, successo , soldi, musica, ma la cosa che ha rimpianto di più in un certo periodo fu un amore stabile. Non corriamo.

E' ancora studente, quando fonda i Genesis con i compagni di corso e si ispira molto alla musica di Nina Simone e Cat Stevens, con il quale suona il flauto in un concerto, avendo un discreto successo. Sposa giovanissimo Jill Moore, figlia di un diplomatico della regina, che costringe a vivere nella dependance dei contadini per essere più vicino al mondo attuale e spingere maggiormente la sua fantasia nelle esibizioni del suo gruppo, travestendosi in mille modi, recitando dei capoversi prima di suonare, studiando meticolosamnete ogni brano musicale, ogni costume, ogni effetto speciale.
Stare dietro ad un cervello come Gabriel non è cosa semplice. I suoi travestimenti e pensare a tanto, sembrano scaturire da una mente dove la fantasia non ha confini. Memori sono i costumi da ameba, da vecchia Inghilterra, da fiore etc. etc. La nascita di due figlie (la maggiore avuta in un modo disatroso che mette a repentaglio la vita della moglie e della bimba stessa...), non bastano a fermare i suoi furori creativi. E un'altra caratteristica che lo distingue è proprio la timidezza che lo porta a truccarsi e nascondersi in maniera folle, folle come i suoi primi lavori tipo "Fox-Trot" "Nursery Cyme" e l'osannato "The lamb lies down on Broadway", dove le trame sono così difficili da raccontare e toccare i confini dell'incubo.
Non era facile vivere con un tale soggetto, taciturno, misterioso, traditore , assolutista, misogino e riservato. La decisione di lasciare i Genesis, più volte rimaneggiati come formazione per sfinimento, divenne concreta quando entrò nella band Phil Collins, il batterista, che portò una ventata
di leggerezza tra il gruppo, mancando però di ogni forma innovativa.
Gabriel cammina da solo, viene ricercato a Hollywood, fanno gola al cinema queste fantasiose creazioni e nasce così il nuovo Peter. I suoi primi quattro album da solista, non hanno titoli, ma solo numeri (è conosciuto per dare nomi cortissimi ai suoi dischi dovuti anche alla sua proverbiale pigrizia e meticolosità nel mettersi al lavoro). Il suo primo singolo di successo fu "Solsbury Hill", la collina che ricorda l'Inghilterra lontana, l'abbondono della famiglia e della band. Dopo il terzo album, Peter si interessa molto alle percussioni che sono una caratteristica importante nella stesura dei suoi pezzi.
Ed eccoci arrivati alla scoperta di suoni tribali e sconosciuti, ecco il capolavoro "Shock the Monkey"( presentato pure a San Remo dove si ruppe una costola per imitare la scimmia volante sulla liana...) Troppo per la sola musica, ecco ricomparire il cinema e il regista Alan Parker che lo vuole  per "Birdy" colonna sonora intimista sulle cause nella mente umana dei reduci del Vietnam. I concerti dal vivo non sono dissimili da quelli precedenti. Si racconta che, chiamato ad aprire un concerto di Bowie all'apice di carriera, lo oscurasse totalmente.  I successi di Peter non si contano più. Gli amori , le passioni che ne conseguono, pure.
                                                    La sua relazione con l'attrice Rosanna
Arquette lo lascia distrutto dopo l'abbandono della medesima. Un esaurimento nervoso dopo l'altro con terapie appropriate per tornare in forma, il divorizo, il silenzio delle figlie, l'universo sembra remare contro quest'uomo che ha tutto ma non riesce a vederlo e soffre per amore. Attrici, cantanti famose lo amarono come Sinead O'Connor che tentò tre volte il suicidio in una stanza d'albergo e miracolosamente fu salvataIl genio di Gabriel va avanti. Si interessa di diritti umanitari, partecipa come ideatore ad Amnesty International, fonda Womad, per musicisti sconosciuti, fonda la sua casa discografica Real World, passa da un successo all'altro con svariate colonne sonore come" Passion" dall'"Ultima tentazione di Cristo" di Scorsese,"Ovo"per lo spettacolo"Millenium Dome", cresce ancora nel tempo con album come"So" "Us" "Up".

Mentre tutto va avanti, la sua forma fisica quasi per scherzo si dilata, si trasforma con la malattia, questo mal d'amore che solo da poco tempo l'ha abbandonato. Ritrova il rapporto con la figlia, che collabora con lui negli ultimi tour. Ha un rapporto pressochè amichevole con l'ex moglie, dimentica completamente la sua precedente vita privata attraverso terapie mediche e yoga.
Ci appare un guru, lo riconosco dalla sua voce, non dalle sue sembianze amabili di dolce individuo dagli occhi viola.
Eppure Gabriel riesce a scrivere canzoni d'amore pur non avendolo, l'amore spacca anche quando si parla di fallimento, la purificazione dell'acqua (che ha sempre vicino quando compone nella sua casa discografica inglese sulle rive di un laghetto) che ci purifica pur facendoci conoscere quello che non piace di noi stessi. E, come nelle migliori favole, quando uno non si aspetta più nulla, l'amore arriva, improvviso, quieto dalle sembianze di una gentile ragazza dai capelli rossi.
Giovanissima, Maheb e due figli piccoli. Adorato Peter, solo adesso hai saputo scavare nel tuo intimo, trovare te stesso e dire senza vergogna che il coraggio di una rock -star non sta nel ringiovanirsi o tingersi i capelli, ma ricomincaire una vita risposandosi ed avendo due figli piccoli.
Spero di non avervi annoiato, perchè su Gabriel bisognerebbe scrivere un romazo.
Ma gli episodi più salienti per farvi un'idea della persona, spero li abbiate afferrati. I suoi successi brillano ancora nel mondo con "Scratch my Back" rivisitazione delle canzoni degli altri ed ora con "So" e l'antica formazione di un tempo di cui ho già parlato nel post precedente.

Chi ne ha la possibilità non perda questo tour. Non vedrà più un Angelo con le ali, ma queste ultime ci sono sempre e l'angelo è diventato Arcangelo!

13 commenti:

  1. impossibile annoiarsi con te NELLA..mi hai fatto conoscere un personaggio splendido e x questo ti ringrazio e condivido..é tanto bello e entusiamante il tuo articolo. ..grazie cara

    RispondiElimina
  2. Caramella mia!! Che storie incredibili!! Anime geniali ma tormentate.
    Si sente l'amore che porti per questo Angelo, si percepisce quanto apprezzi quest'artista, tanto da farmelo sentire. Lo amerò come lo ami tu.
    Grazie Nella cara.

    RispondiElimina
  3. Cara Nella hai descritto Peter con il cuore....è impossibile non condividere le emozioni che ti hanno portato a metterlo in evidenza come merita!!!
    Grazie..è sempre un piacere leggerti.....un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Ciao ALESSANDRINA..io sono un po' contraria alle biografie perchè si possono trovare su molti siti, ma se non si conosce bene un artista è meglio approfondire..
    Sono felice di averti fatto cosa gradita!
    Un bacio super , bellissima!

    RispondiElimina
  5. GALADRIEL del mio cuore, lo amo ma non sarebbe il mio uomo ideale vedi,ahahaha....poco maledetto per i miei gusti..ahahaha
    Adoro il suo tormento interiore , la sua ritrosia e la sua timidezza , più l'immensa sensibilità che ha permesso di regalarci vere perle musicali...
    Non ce lo divideremo, angioletto...
    Un bacio stratosferico!

    RispondiElimina
  6. Grazie generosa ROSARIA...ho sempre paura di annoiarvi quando scrivo cose troppo lunghe sui post, e sono felice quando vi interessano..
    Trascorri una serena domenica e prendi al volo il mio abbraccio affettuoso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annoiarci? LoL...e si caramella mia adorata! Ma starai scherzando, oppure sei in cerca di guai! ;-)
      Mia adorata amica, non immagini nemmeno lontanamente quanta passione infondi in ognuno di noi ogni volta che ci fai partecipi delle tue emozioni, delle tue preziose esperienze personali lavorative e non...
      Io poi sai che sono di parte, ti adoro, e quindi magari non faccio testo, ma tutti gli altri, ho ragione di credere che siano test attendibili! Smuack, mia caramella preziosa!
      Vita lunga e prosperità!

      Elimina
    2. Prego cara Nella....!!! Cosa dici?! Io amo Peter!! Il tuo post è meraviglioso!!!Non scrivere mai più che potresti annoiarmi!!! Grazie a te!!!
      Prendo il tuo abbraccio, ti mando un bacio grosso e ti auguro una domenica bellissima
      Ross

      Elimina
  7. Ciao LEGOLAS mio...
    A volte mi prendono questi " prilloni " di essere troppo lunga e annoiare qualcuno.
    Penso che qualche esperienza personale sia più divertente, ma poi freno e rifletto che avrebbe poco senso se si conosce poco il personaggio!
    Bacioni stratosferici e buon pranzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella fattene venire piu spesso di questi "prilloni". Non riusciresti ad annoiare neanche se ti ci mettessi d'impegno. Scrivi ancora sono curiosisssima!!

      PS. Amo solo mio marito che si merita e si guadagna tutto il mio amore..Gabriel lo amerei come personaggio.

      Elimina
  8. GALADRIEL adorata, mano male che hai aggiunto il PS... al tutto, altrimenti non avrei capito! Ahahahahah
    O angelo mio...vedrai che prima o poi te ne scoverò uno che ti intrigherà veramente!
    A presto, insostituibile!

    RispondiElimina
  9. Ciao a tutti. Voglio segnalare agli amanti della musica di Peter Gabriel un concerto che avrà luogo a Torino (Teatro Agnelli) il 15 marzo prossimo: due tribute band porteranno in scena i capolavori di Gabriel, dal periodo Genesis a oggi: www.liveticket.it/evento.aspx?Id=34467

    RispondiElimina
  10. Bellissimo articolo.... Tutt'altro che noioso, anzi avrei letto ancora per ore ore ore e ancora ore. Come hanno accennato altri commenti trasmetti tutta la tua passione per Gabriel, questo mi rincuora perché scopro di non essere sola! Infondo se sono a leggere questo articolo è perché ho un'ammirazione morbosa nei suoi confronti e quindi vorrei porti un quesito...
    In che fase della sua vita sentimentale ha scritto "in your eyes"? È una canzone splendida incantevole, che parla d'amore in un modo stupefacente... Ma come hai detto era in cerca del suo grande amore e in preda a mille relazioni non stabili. Questo mi spiazza perché non capisco su quali basi l'abbia scritta, ascoltandola mi ero convinta che fosse una persona assolutamente devota ad un amore stabile.

    RispondiElimina