giovedì 18 aprile 2013

Tre di noi..continua ( 2nda parte)

Perchè ho l'abitudine di uscire di casa , senza controllare bene il tempo, senza guardare il cielo, così infilo il cancello e via a passo veloce per dove, chi mi aspetta e quando e come?
 Vado di fretta , il sentiero è pietroso, le scarpe non sono adatte , ma chi mi rende così ansiosa e premurosa di andare ... non so non ricordo e non voglio neppure ricordare.
 Devo andare assolutamente , solo questo so..Ricordo un sole giallo , caldo tiepido? quello non lo so, l'ho visto però , mi è apparso ed è per questo che sono uscita. Ho visto anche i fiori del mandorlo o è stata una visione? No, no i fiori ci sono li vedo per terra spazzati via da questo vento burlone, che ora tanto burlone non è perchè si fa quasi aguzzino e punge la mia pelle.
 Non ho portato la maglia , ho le maniche corte..ma dove , dove credevo di andare?
Non voglio fare la strada del ritorno , so che il sole tornerà e vado avanti impavida , ma ora è come lottare contro vento, spinge il vigliacco, spinge questa povera testolina rossa che si fa forza per andare avanti sempre avanti..
 Ma cosa accade ? Non vedo più il giallo del sole, caldo? Manco l'ombra , anzi di ombra ora ne vedo parecchia, è quasi buio...Perchè non alzo gli occhi al cielo, dai fai uno sforzo..
 Ecco li ho alzati..ci sono nuvole bianche , tante piume danzanti che si rincorrono tra loro , tra piccoli spazi azzurri e il vento le trascina via vorticosamente cambiandone anche i colori ...Ora sono grige , dense , spesse ..e se venisse a piovere?
 Guardo ancora più attenta , sempre con il naso puntato in su , come se aspettassi qualche strano evento.ma...sblam!!!Che botta , che dolore ,cosa è stato?
Chino la testa  e vedo una paio di robuste scarpe marroni, calzoni giacca e una sciarpa rossa, sbiadita, niente cappello....
 Strano personaggio, che ci fa lì nella mia strada ? Pechè mi si è parato davanti , cosa vuole?
 E' tutto vestito d'inverno il signorino , non si degna di vedere questa poveretta che sta tremando di freddo mentre le prime gocce cadono dal cielo..
 Lo fisso con occhio torvo quasi ad incitarlo a fare qualcosa, ma lui mi guarda a sua volta e basta , non si muove , non fa un gesto...
 E d'improvviso gli strappo quel vecchio drappo rosso che ha al collo, sciarpa brutta , sbiadita..ma almeno qualcosa di caldo avrò addosso.
 Lo fisso ancora , ed ora il suo sguardo si è fatto furente, quasi minaccioso..ma minaccioso perchè.?.............

14 commenti:

  1. ...cara Nellina, mi hai catturato! Non sono un fuorilegge! Hai catturato la mia attenzione disarmandola. Mi hai denudato della corazza che mi riveste, e l'emozione è stata grande. Sapevo della tua magnifica penna, e di quanta passione metti in quello che fai, ma di tanta fine immaginazione, ne ero all'oscuro. Un abbraccio e un bacio...alla prossima puntata...ps...dove vai se l'ombrello non ce l'hai?...:-)

    RispondiElimina
  2. Vado a prendere l'ombrello Sergino mio..se ci serve ..che fare?
    Mi hai intrigato di brutto con la tua sciarpa, ci sono tinte nere, rosse ,gialle..che meraviglia e c'è anche tutto il mio coraggio per essermi unita al tuo meraviglioso scrivere...
    Che dici facciamo un thriller?
    Bacissimi super speciali!!!!!

    RispondiElimina
  3. ...sì, e prendilo grande. La pioggia incombe minacciosa. Come fai a sapere delle tinte della mia sciarpa? Anche tu sei una fata come Katya? Dovete finirla con il mio scrivere, che in fondo è normalissimo. Non siamo degli U.Eco. Quindi coraggio e divertiamoci. Interessante l'idea del thriller. Magari musicale. Il prossimo, se mette qualche segnale alla Stephen King, facciamo un best seller. Bacioni speciali...:-)

    RispondiElimina
  4. wowww Nella..non puoi lasciare finire cosí di botto il tuo racconto in questo modo..ora mi hai incuriosito..voglio il seguito..un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il seguito Alessandrina spetta , nell'intento del gioco, a chi vuole continuarlo...
      Il classico gioco del prendi e lascia ....
      Come finirà non lo so neppur io...ho letto Vito , ma attaccarsi a lui la vedo dura...ma nulla è impossibile..
      Prova tu , dolcezza?

      Elimina
  5. Sergino mio...ma secondo te hanno capito che devono continuare il racconto?
    Non vedo riscontri...
    Cosa facciamo un blog a parte?ahahahahah...
    Ma ..non mi va di gettare la spugna, ma quasi quasi....
    Abbraccione solidale!!!!!

    RispondiElimina
  6. ..non contare su di me Nella cara...ho tentato ma mi manca la base..seguo il prossimo con curiositá e piacere....dai..non abbatterti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti possono farlo, io non faccio la scrittrice, tesorino, sono una misera corrispondente e coreografa...
      Ma la fantasia ti sbriglia mani e cerrvello...
      Dai retta , prova!!!!!

      Elimina
  7. ...cara Nellina, io mi auguro che qualcun altro si aggreghi, altrimenti scriveremo un racconto a qattro mani e due immaginazioni...un abbraccio nella notte...la spugna mai, piuttosto il canto del cigno...bacione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Sergino, sono le mie solite "basse pressioni" della sera...la spugna mai...
      E andiamo avanti...
      Ma hai letto Vito?
      Impresa ardua , mio cavaliere...sgomineremo pure quella!!!!!
      Strabacione.....

      Elimina
  8. io ci tento..ma cara..fra un cliente e l'altro dimentico l'ispirazione.......non ho matematicamente il tempo necessario..cmq ci proveró....buongiorno

    RispondiElimina
  9. Ci sei riuscita alla grande...
    Solo manca l'aggancio giusto che bisogna creare...ma anche qui , in queste difficoltà , il gioco si fa duro ma intrigante!
    Smack!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. tesoro ma grazieee..per il personaggio non ho faticato.... x le correzioni tanto.....

    RispondiElimina
  11. Grazie di che Alessandrina...
    Sei stata bravissima....

    RispondiElimina