lunedì 6 maggio 2013

Goliardia 4


Dal libro "Io, informatore medico scientifico"


A luglio e settembre  il Direttore di zona organizzava spesso una riunione a Gaeta, e precisamente all’hotel “Summit”, un bellissimo albergo  costruito su un costone di roccia con spiaggia privata, palestra, sauna, bagno turco,  idromassaggio e con la caratteristica che appena entravi nell’hotel ti trovavi già al quinto   piano.  Alla fine della giornata lavorativa si dava spazio a tutte queste attività rilassanti alle  quali  cominciavamo a pensarci già durante la riunione. Un aneddoto simpatico fu quando a un  dirigente dell’azienda venuto da Milano per presenziare ad una riunione nel momento di  entrare nella vasca idromassaggio gli facemmo  notare che stava entrando in acqua con l’orologio  al polso. Questi ci ringraziò, si tolse l’orologio e se lo mise nella tasca del costume da bagno ed entrò tranquillamente in vasca tra le risate di tutti i colleghi. Durante la permanenza all’hotel Summit  tra di noi ne combinavamo di tutti i colori, gli scherzi erano all’ordine del giorno, i bersagli  preferiti erano Pino e Andrea due persone squisite e molto educate che solitamente in albergo condividevano la stessa stanza. Ebbene spesso e volentieri si andava alla reception dell’hotel a   nome di uno dei due e si chiedeva di spostare la sveglia dell’indomani mattina alle ore 5,30   per motivi di studio. Alle 8,30, ora di inizio della riunione entravano in sala con due facce incazzate   che se avessero potuto avrebbero sparato a tutti. Invece un altro collega, Sergio, lo presi di mira  in una riunione per un corso di computer. Era noto il suo amore per i colori giallorossi, era come  suol dirsi un “romanista sfegatato”, durante la pausa pranzo entrai di nascosto in sala riunioni,  mi diressi verso il suo computer sullo sfondo del quale memorizzai un grande “Forza Lazio” che si   muoveva per tutto il monitor, appena lo vide si alterò abbastanza, anche perché non sapeva come  toglierlo. Per tre giorni ebbe davanti agli occhi quella scritta e solo prima di ritornare a casa gli dissi  come eliminarla.

6 commenti:

  1. Certo che voi Romani siete maestri negli scherzi!
    Mi fai venire voglia di caciarare in gruppo e ridere e scherzare...ci troveremo mai tutti noi blogger in gruppo? Appena torna Alessamdra in ottobre proviamo a fare un incontro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe magnifico, un incontro dal vivo! se ne vedrebbero e sentirebbero delle belle!!!!

      Elimina
  2. Romoletto mio bello....tutti gli scherzi sono permessi ...ma toccare la squadra del cuore...
    Un delirio!!!
    BACIOTTO!

    RispondiElimina
  3. appunto per questo lo scherzo è più bello. a Roma si dice: prima la squadra del cuore e poi la moglie....... un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Caro Romolo, ma che fantasia! Leggo sempre con gran piacere queste fantastiche goliardate fatte in gioventù, mi ricordano tanto i tempi felici dell'università. Mi associo alla proposta di Gala, trovarsi tutti insieme e goliardare ancora

    RispondiElimina
  5. già.... ci farebbe tornare indietro di qualche annetto!!!! chissà se sarà possibili.

    RispondiElimina