venerdì 19 aprile 2013

Goliardia 3

            Dal libro  "All'ombra dell'ultimo sole"

........Saint Vincent si trova a circa 800 metri di altezza, nel cuore delle Alpi, ad un tiro di schioppo dalle cime più alte d’Italia, il monte Bianco, monte Rosa e il monte Cervino, di conseguenzaera inevitabile che subisse un’influenza climatica di questo tipo. Passeggiando lentamente e godendoci la dolce brezza della sera arrivammo davanti alla maggior attrattiva di questo magnifico paese alpino, quella che lo rendeva famoso in tutta Italia e non solo, il Casinò de la Valleè. Un edificio circondato da verde e da alberi, molto illuminato, fari ad ogni angolo per risaltarne la bellezza, non si faceva certo risparmio di energia. Arrivammo davanti all’ingresso e vedemmo un mondo che di certo non apparteneva alla nostra vista quotidiana, automobili sportive e di lusso parcheggiate nei pressi dell’entrata del Casino, Ferrari, Lamborghini, Porsche, uomini vestiti rigorosamente in abito scuro e signore immancabilmente imbrillantate che facevano sfoggio dei loro gioielli e che si apprestavano ad entrare. << Li mejo mortacci loro!!! – esclamò Speedy con gli occhi spalancati – questi c’hanno li sordi che je escono dall’orecchie! >> << Probabilmente stasera perderanno qualche milioncino e ritorneranno in villa col sorriso sulle labbra, come se niente fosse! >> replicai io abbastanza disgustato e schifato.
 << E magari nelle loro aziende avranno messo gli operai in cassa integrazione, ‘sti porci. >> ribattè Paolo che immediatamente urlò a squarciagola rivolto verso l’ingresso del Casino:<< Borghesi!! Padroni!! Ci state sui coglioni!! >> e ancora: << Fascisti, carogne, tornate nelle fogne!! >> Ma questi slogan non attirarono più di tanto l’attenzione di lorsignori che continuarono imperterriti chi ad entrare e chi a parlottare, rivolgendo semplicemente uno sguardo di indifferenza in direzione del nostro gruppetto. Incontrammo nei pressi della casa da gioco alcune donne che “passeggiavano” avanti e indietro per la strada, non lasciavano dubbi circa la loro professione, sicuramente stavano aspettando qualche “pollo” da spennare ulteriormente non appena fosse uscito dai “tavoli verdi”. 
D’accordo con i miei amici iniziai a camminare lentamente in modo da rimanere leggermente indietro rispetto a loro, e quando fui di fronte ad una di queste ragazze la scrutai da cima a fondo poi dissi con voce seria:<< Quanto? >> Lei pure mi osservò in silenzio dai piedi fino alla testa come per capire se fossi maggiorenne, poi altrettanto seriamente rispose:
<< Cinquantamila in camera. >> Al che io ribattei subito: << Forse non hai capito, volevo dire …… quanto  tempo è che aspetti! >> e mi allontanairapidamente ridendo a più non posso mentre lei cominciava ad inveire fortemente contro di me:<< Stronzo di un pirla, vai da un’altra parte a rompere i coglioni!! >> 
Tutti i miei amici si unirono alla mia risata e anche loro cominciarono a correre, continuando a schernire la povera malcapitata: << Aoh! Attacca le mutande ar chiodo!! Ah! Ah! Ah! >> E giù ancora risate.....

2 commenti:

  1. Tutta la mia solidarietà alla peripatetica...
    Quannto si è crudeli da ragazzi...
    Ciao simpatia!

    RispondiElimina
  2. che ci vuoi fare cara nella, al contrario di oggi all'epoca ci si divertiva con poco. Ma preferisco senza ombra di dubbio quegli anni.

    RispondiElimina